Corsi di lingua

Perché studiare in una piccola città ?
Chi sono gli insegnanti ?
Chi si occupa dell’organizzazione delle attività didattica ?
Quanto dura un’ora di lezione ?
Come faccio a capire il mio livello di italiano ?
E voi come valutate il mio livello e il corso giusto per me ?
E’ possibile cambiare livello se non mi trovo bene nel corso in cui sono stato inserit o?
Che metodo di insegnamento viene adottato ?
Se è un approccio comunicativo, vuol dire che non si fa grammatica ?
Quanto potrò imparare ?
C’è una relazione tra la lunghezza del corso e l’apprendimento della lingua ?
Quanti studenti ci sono nella classe ?
Cosa si fa in classe ?
Quali materiali didattici vengono usati ?

Perché studiare in una piccola città ?
Città come Orvieto e Bolsena sono luoghi privilegiati per lo studio della lingua italiana. Sono piccole città, “a misura d’uomo”, posti ideali per passare una vacanza-studio in completo relax. Lo stile di vita di queste due città rispecchia ancora abitudini e tradizioni, per cui studiare a Orvieto e Bolsena significa anche entrare in contatto diretto con un modo di vita veramente “italiano”, molto lontano dal caos e dai ritmi frenetici delle grandi città.

Chi sono gli insegnanti?
Gli insegnanti di Lingua Sì sono tutti laureati. Per insegnare presso l’Istituto devono sostenere un colloquio di selezione e, una volta ritenuti idonei, possono partecipare al corso di formazione che si tiene ogni anno. Professionalità, entusiasmo, creatività, simpatia, disponibilità sono i criteri in base ai quali vengono selezionati.

Chi si occupa dell’organizzazione delle attività didattica?
Nello staff di Lingua Sì è presente una Responsabile della Metodologia e Didattica. Si occupa di tutto ciò che riguarda l’insegnamento, dall’organizzazione dei corsi al reclutamento e formazione degli insegnanti, al coordinamento dell’attività didattica. La Responsabile della Didattica è sempre in grado di offrire ai docenti un supporto sia nel reperire il materiale giusto sia nel dare consigli sulle strategie migliori inerenti alla gestione della lezione. Per gli studenti rappresenta un importante punto di riferimento per una varietà di questioni didattiche che vanno dai consigli sulla tipologia e struttura del corso a quelli sul materiale utilizzato, sull’approccio didattico ed altro ancora.

Quanto dura un’ora di lezione ?
Un’ora di lezione corrisponde a 50 minuti; l’unica eccezione è il corso individuale (standard e intensivo) che prevede lezioni da 60 minuti.

Come faccio a capire il mio livello di italiano ?
L’indicazione che ci darai sulla scheda d’iscrizione è solo un primo punto di riferimento per noi, quindi non ti preoccupare se poi in realtà quello che hai dichiarato è un po’ di più o di meno rispetto ai nostri criteri per i vari livelli. Se sei curioso di saperne qualcosa in più, puoi anche vedere le descrizioni dei vari livelli del quadro comune europeo.

E voi come valutate il mio livello e il corso giusto per me ?
Per valutare il tuo livello, ci serve innanzitutto il test di lingua che è uguale per tutti i livelli.
Questo test per noi è il primo elemento per capire quello che sai già in italiano.
E’ importante però anche il livello di comprensione e produzione orale.
Per questo motivo, il primo giorno del corso organizziamo un piccolo colloquio per vedere se questo è compatibile con il livello emerso dal test scritto o se ci sono notevoli differenze.
La scelta del corso giusto infine va fatta valutando più fattori: oltre al test e al colloquio, è importante vedere sia la durata del tuo soggiorno di studio, sia i tuoi obiettivi e il tuo carattere.
C’è infatti chi preferisce ripetere quanto già studiato in passato e chi invece ha bisogno di andare assolutamente avanti e vorrebbe un livello più difficile.

E’ possibile cambiare livello se non mi trovo bene nel corso in cui sono stato inserito ?
Se pensi che il tuo corso sia o troppo difficile o troppo facile per te, rivolgiti al tuo insegnante che ti saprà consigliare e spiegare. Se nonostante il chiarimento ti rimanesse qualche dubbio, puoi prendere un appuntamento con la responsabile dei corsi di italiano. Per noi sono due le cose fondamentali:

1. che tu rimanga contento della tua esperienza di studio da noi

2. che il livello stesso delle classi non subisca cambiamenti, questo per il bene di tutti i partecipanti. Se quindi ritieni che le tue conoscenze di italiano non sono adatte al corso che stai frequentando, ti aiutiamo a trovare una soluzione.

Che metodo di insegnamento viene adottato ?
Il metodo di insegnamento adottato da Lingua Sì è definito approccio comunicativo centrato sul discente. Si tratta di un approccio basato interamente sulla comunicazione e quindi sull’interazione in classe. Allo studente, inoltre, viene subito assegnato un ruolo primario ed attivo in modo che, sin dal primo giorno di lezione, si abitui a comunicare in italiano interagendo con gli altri studenti e con l’insegnante.

Se è un approccio comunicativo, vuol dire che non si fa grammatica ?
La grammatica ha anch’essa un ruolo fondamentale nelle nostre lezioni, ma non viene mai affrontata in modo teorico e noioso.
Ogni regola è sempre spiegata all’interno di un contesto e mai in astratto e presentata sempre attraverso attività coinvolgenti e divertenti.

Quanto potrò imparare ?
L’apprendimento di una lingua straniera richiede tempo ed invitiamo a diffidare dai metodi ‘miracolosi’ che promettono un apprendimento istantaneo. Ciò che possiamo affermare con certezza è che da noi i tempi vengono accorciati notevolmente in quanto l’obiettivo primario che ci proponiamo è lo sviluppo della competenza comunicativa, cioè della capacità di parlare in italiano.

C’è una relazione tra la lunghezza del corso e l’apprendimento della lingua?
E’ chiaro che più tempo dedicherai all’apprendimento della lingua, più riuscirai ad imparare. Ciò, però, non si traduce esclusivamente in ore di lezione, ma nel tempo in generale che dedichi alla lingua. La prima cosa importante da fare è scegliere il corso più adatto a ciascuna esigenza, anche consultandoti on-line con la nostra Responsabile della Didattica. Inoltre ti consigliamo caldamente di sfruttare appieno il soggiorno in Italia, non limitandoti, quindi, ad usare l’italiano in classe, ma esercitandoti tutto il giorno ‘fuori aula’, interagendo dopo la scuola con gli altri studenti, andando al bar o al ristorante, a fare la spesa, al cinema, al teatro, in biblioteca, ecc. Per spingere gli studenti a parlare sempre in italiano, organizziamo numerose attività di tempo libero, come escursioni ad Orvieto e dintorni, degustazioni di vini e prodotti tipici, cene e feste.

Quanti studenti ci sono nella classe ?
Ci sono al massimo 12 studenti in classe, la media è di 5 o 6. Ovviamente gruppi così piccoli garantiscono un corso su misura basato sulle necessità dei nostri studenti.

Cosa si fa in classe?
Il metodo di insegnamento da noi adottato consta di moltissime attività, ognuna delle quali avente un suo specifico obiettivo, come ad esempio attività per la lingua scritta e per la lingua parlata, attività per la produzione e per la ricezione ed attività grammaticali. In classe, quindi, ad esempio, si leggeranno articoli di giornale, fumetti, brani di letteratura, poesie e si scriveranno lettere, novelle, storie. Si ascolteranno registrazioni di conversazioni fra italiani, si vedranno video, ma soprattutto si parlerà tantissimo.

Quali materiali didattici vengono usati ?
I libri di testo, concepiti sin dall’inizio per una didattica comunicativa, vengono affiancati da una vasta gamma di materiali esclusivamente autentici, cioè prodotti da italiani per italiani, come articoli di giornali, brani di letteratura, ma anche registrazioni di conversazioni, video e film. Attraverso l’utilizzo di materiale autentico lo studente è sin dall’inizio a contatto con la lingua, vera, reale, affinché si abitui subito a tutte le sue difficoltà.

Hai ancora altre domande? Vuoi saperne di più?
Contattaci: [email protected]